Associazione Lo Scarabocchiatore

Claudio Castellini firma il manifesto di TORINO COMICS 2024

Torino Comics torna a Lingotto Fiere di Torino dal 12 al 14 aprile 2024. Fumetti, giochi, videogames e cosplay sono i protagonisti della XXVIII edizione per vivere tre giorni all’insegna del divertimento. Presenti un’ampia area espositiva dove trovare fumetti, gadget, oggetti da collezione e costumi, un palco dedicato alle competizioni cosplay, uno spazio per gli amanti dei giochi di ruolo e da tavolo e numerose postazioni per il videogaming, con tornei e freeplay.
 Scopri sotto tutte le tipologie disponibili e scegli quella più giusta per te! https://www.vivaticket.com/it/ticket/torino-comics-2024/

Con il lancio ONLINE della biglietteria è stato mostrato anche il Manifesto uffciale della Manifestazione realizzato da Claudio Castellini che a mezzo social ha rilasciato questa dichiariazone

Riportiamo dalla pagina fb ufficiale di Claudio Castellini

Ho finalmente il piacere di poter mostrare la locandina che ho realizzato per Torino Comics, dove sarò ospite il prossimo 12-13-14 aprile. La colorazione è affidata al solito amico e colorista di fiducia Paolo Lamanna Artworks che come sempre riesce magistralmente a dare vita con la sua “tavolozza” a tutte le indicazioni di colore che sono nella mia mente!

L’antefatto sul concept della locandina :

“L’idea centrale del manifesto è stata quella di rappresentare una figura tipica dell’immaginario fantasy medievale, il cavallo alato, con in groppa il proprio cavaliere a completare la composizione “gloriosa ed epica “. Il tutto è interpretato in chiave più tecnologica, come le ali metalliche oppure l’armatura del cavaliere, con led luminosi ad evidenziarne il tocco Sci-fi ” – dichiara Claudio Castellini.

“La coppia protagonista dell’illustrazione è una creazione originale e simboleggia in qualche modo Torino. La posizione imbizzarrita del cavallo vuole ricordare quella del toro, emblema della città, senza però cadere nel clichè esplicito di illustrare un vero toro, cosa che avrebbe anche richiamato alla mente il mondo del calcio. Il copricapo/bardatura metallica con due corna sulla testa del cavallo rafforza visivamente questa analogia. La Mole Antonelliana completa l’omaggio alla città: nel suo splendore architettonico, fa da sfondo in un contesto surreale, avvolta e circondata da nubi e spirali di nebbia/fumo che creano un alone fantasy, sospesa fuori dal suo continuum temporale” prosegue l’autore.

“La colorazione, infine, sostiene l’atmosfera onirica arricchendo l’immagine di una illuminazione ambientale che dipinge una aurora con tinte rosate-salmonate, con il sole nascente alle spalle della Mole che ne esalta l’effetto suggestivo ed evocativo. I colori dominanti sono quelli più propriamente caratteristici del cyber punk, blue-violetto-magenta” – conclude Castellini.”

Lascia un commento

Your email address will not be published.
*
*

Shopping cart0
There are no products in the cart!
Continua a fare acquisti
0